Abitarsi di Domenico Borrelli

_R7B3834

25 settembre – 31 ottobre 2014

Lo spazio della piccola galleria franzpaludettotorino si trasforma in neutro parallelepipedo bianco, per accogliere l’installazione di mattoni di paraffina di Domenico Borrelli.

Come il ventre gravido di una donna, quel parallelepipedo, a mano a mano che la costruzione di mattoni prende forma, si lascia “abitare”, si fa custode di quel guscio dall’effetto opalino che l’artista plasma dall’interno. In una morbida dialettica, uno dentro l’altro, uno fuori dall’altro, i due spazi dialogano tra loro, riflettendosi, aprendo spiragli verso l’esterno, sottraendo agli sguardi del mondo lati reconditi e misteriosi.

Pancia nella pancia, come la cella interiore dedicata dai mistici alla recitazione del mantra durante la meditazione profonda, l’installazione di Borrelli permette alla luce di filtrare, ma protegge, lascia aperta una possibilità di accesso, ma non per tutti.

Il confine che la materia sintetica segna tra fuori e dentro è fecondo di aspettative, di promesse, di rivelazioni: esprime esso solo, con forza, il senso dell’attraversamento che propone. Al di là di quella membrana la potenzialità, il ricordo, l’esperienza, al di qua l’interiorizzazione, la consapevolezza.

Diletta Benedetto